"I giovani devono partire, devono andare via per curiosità, per capire il mondo, ma soprattutto per capire loro stessi. Poi devono tornare." R.Piano

martedì 4 settembre 2012

Random thoughts

Yo buddies! How're you doing?
Ci ho messo un bel pò a capire che a questa domanda dovevo rispondere "good" e non "fine" ahahah :D
Come state? Le vostre vacanze stanno per finire cari italianiiii e la cosa, scusatemi, ma mi fa sentire meno sola! Finalmente qualcun'altro comincerà a svegliarsi alle 6 e a farsi ore e ore di scuola e compiti (consolatevi con il fatto che quest'anno ho ben dieci mesi di scuola da fare e non nove! -.-) Non che i miei compiti qui siano tanti, eh, anzi.. Continuo a prendere A in storia rileggendo gli appunti per mezz'ora, mentre tutto il resto della classe (e non scherzo) prende F, cioè si sprecano proprio. Mi dispiace ribadire questa mia idea, ma in questa classe circa 20 su 27 studenti sono di colore, come la classe di inglese, e veramente non si impegnano neanche un pò. Vabbè, di certo non sono venuta in America per la loro istruzione.

Vi scrivo dal letto, sono le 5.30, ho appena finito la doccia perchè.. oggi ho fatto il primo allenamento di softball! :) e dire che sono distrutta, è dire poco, cavoli. La prossima settimana iniziamo a usare guantone e mazza, ma oggi, domani e giovedì, l'allenamento consiste in corsa, scatti, addominali, flessioni, stretching e salti. E' da morire. Vi giuro che non sudavo così da anni credo :D Di sicuro per tanti di voi è normale, ma io sono abituata al tennis che è tutto sommato tranquillo, nemmeno a danza ero così sfinita. Adesso, se cammino, sembro un elefante che è stato immobile per secoli! E ovviamente allenarsi alle tre, sotto il sole con 40 gradi, dopo 8 ore di scuola, non aiuta. Una ragazza ha pure vomitato, io mi fermo prima piuttosto di fare quella fine! Però sono contenta di com'è :) Siamo tredici ragazze, loro sono un bel gruppo unito, ma sono state simpatiche e carine nei miei confronti. Quindi spero che per il prossimo football game avrò qualcuno con cui stare, divertendomi. In più, mentre corrono, fanno esercizi, si incitano tantissimo con frasi tipo "go ladies, keep on, good job, come on panthers" (la pantera è il simbolo della mia scuola). Ed è bello farsi forza in questo modo! Ahh, tutto questo allenamento vuol dire che non devo porre alcun limite al cibooo! Perchè se continuiamo così, probabilmente torno a casa dimagrita, e questa è un'altra cosa positiva.

Argomento tropical storm Isaac: è stato una busa. Io (e tutti gli altri) mi aspettavo qualcosa di più di una semplice pioggia. Eravamo pronti al peggio: provviste per una settimana, benzina, avevamo isolato il salotto con delle tende per concentrare l'aria condizionata lì nel caso in cui saltasse la corrente (questo era un eco condizionatore, funziona senza corrente), portato dei materassi per dormire lì per terra.. e invece niente di niente! Mercoledì ha iniziato a piovere dopo pranzo, c'era parecchio vento, ma niente di che. Siamo stati senza corrente dalle 5 alle 7, dopo di che è tornata, siamo andati a letto tranquilli, e il mattino dopo mi sono svegliata che tutto era finito. E il colmo è che è stata la prima notte in cui sono riuscita a dormire senza mai svegliarmi! Mi sono alzata e l'unico disordine consisteva in un pò di foglie in giardino e per le strade. In poche parole, Isaac doveva passare proprio nel paesino dove vivo, invece all'ultimo minuto ci ha schivati. Mi sa che comunque è meglio così, niente danni, tutto ha ripreso normalmente, scuola compresa. L'unica cosa negativa che ha portato questo "uragano" è taaaaanta umidità. Voi non potete immaginare, io esco di casa alla mattina e dopo cinque minuti appiccico. Per darvi un'idea, la mia scuola è all'aperto e venerdì ha piovuto. Bene, da quanta umidità c'era, i vetri delle aule erano appannati da fuori, proprio com'è lo specchio quando ci si fa la doccia. E non erano gocce di pioggia, solo tanta tanta tanta umidità. In più ci sono anche tantissime irritanti zanzare, alle quali ho anche scoperto di essere allergica. Devo farci l'abitudine, sì.

Ieri siamo stati in vacanza per il Labor's day (il nostro primo maggio), quindi abbiamo fatto un bel weekend lungo, che però è volato. Io contavo di dormire, e infatti sabato mi sono alzata a mezzogiorno, ma sia domenica, sia ieri, la sveglia è stata alle sette e mezza! Domenica siamo andati ad Alex (modo figo invece di dire Alexandria, città dove sono atterrata) a fare colazione. Beh.. è stata una delle migliori colazioni della mia vitaaa :) pancakes con cioccolato, panna, e un'altra salsina bianca di cui non so l'origine, bacon, scrambled eggs e una specie di tortino di patate buonissimo! Chiaramente mi ha riempito per bene, tanto che sono arrivata a pranzo senza essere affamata (e, potete chiedere ai miei hostparents, io sono sempre affamata, qualsiasi ora sia!) Al pomeriggio ho guardato un film con Nicolas Cage e John Travolta, la maggior parte delle scene erano sparatorie, quindi non c'erano molti dialoghi da capire per fortuna, perchè i sottotitoli non c'erano e si mangiavano quasi tutte le parole. La serata poi doveva essere tranquilla, ma è arrivata Lindsay (morosa di Justin) con sua sorella Rachel e sua cugina Bailey, a prendere la piccola Ana e mi hanno invitato a passare la notte da loro. E' stata proprio una serata divertente! :) eeee ho sparato con il fucile da caccia!!!!!! That was so coooool! Quando Justin me l'ha chiesto pensavo scherzasse, invece era serio... e beh, dovendo attenermi al "carpe diem" non potevo certo lasciarmi sfuggire quest'occasione! Mi ha decisamente messo di buonumore la cosa, esperienza da fare dai. Beh poi ho dormito lì, ho diviso il letto con Bailey, che è un sacco simpatica e mi ha già detto che le mancherò :)
La mattina dopo, cioè ieri, siamo andati a Lafayette, che è una città piuttosto grande ad un'ora e mezza da qui, famosa per il suo enorme maaaall! Ed è lì che abbiamo trascorso tutto il tempo. Non era grandissimo come centro commerciale, ma i negozi erano davvero interessanti. C'era anche Hollister e con gli scontiiii! Ho comprato un paio di pantaloni della tuta per 15 dollari e un golfino abbastanza pesante, che mi serve quest'inverno per scuola (possiamo solo usare golfini o felpe con cerniera, si deve vedere la pantera -.-) per 25 dollari! Era il paradiso, mi sono trattenuta (mamma e papà siate fieri di me ahahah).. ma ci torneremo di sicuro, non gioite troppo! :)

Prima di salutarvi, non può mancare la parte psicologica del post, che è la mia preferita.
Le cose vanno meglio e questo non si può negare. Mi sento molto più parte della famiglia, con Lisa e Jeff sto davvero bene, loro ridono e scherzano come una coppia di adolescenti e questo mi diverte un sacco. Insomma, mi sono abituata alla vita quotidiana. Però il mattino è ancora un tasto parecchio dolente. Vorrei sprofondare sotto le coperte e svegliarmi solo quando mi va, invece devo alzarmi alle 6, prendere l'autobus, e fare tanti sforzi a scuola, per capire i prof, i compagni soprattutto, e per fare amicizie. Lo so che sono pigra, maaa uffa. Andare a scuola non mi piace neanche qui, forse mi piace meno che in Italia, anche se sono certa che tra qualche mese non la penserò così. Almeno in Italia c'è qualcuno con cui chiacchierare in corriera, andando a scuola, in classe.. Qui mi diverto solo l'ultima ora e mezza. Quello che mi consola è che sono solo due orette al mattino in cui sono malinconica e svogliata, poi sono abbastanza "indefinita" (o forse annoiata e assonnata), mentre quando torno al pomeriggio sono serena.
E quindi questa è la mia "routine dell'umore". Mi sembra di essere sulle montagne russe, o peggio sul blu tornado.
La più grande difficoltà di quest'esperienza non è abituarsi a convivere con degli sconosciuti, con una lingua straniera o in una nuova scuola. L'impresa più grande è trovare un equilibrio con se stessi, riuscire a convivere serenamente con la nostalgia, con gli sbalzi d'umore, con i mille pensieri opposti che si alternano nell'arco della stessa giornata. E questi sono gli obiettivi maggiori che voglio aver raggiunto a dicembre (anche prima non sarebbe male, eh): convivere con me stessa, controllare i miei pensieri, non farmi prendere dallo sconforto, saper reagire alle emozioni. "Tutto" qui. E ce la farò ;)

Stasera Jeff cucina il pollo fritto yeee! E' uno dei miei cibi preferiti, e dopo tutto lo sforzo fisico di oggi, ci vuole proprio! e non rinuncerò nemmeno al mio brownie caldo con il gelato e il caramello ahahahah ;)

Cara Italia, sarà bellissimo riabbracciarti.
un bacio forte,
Cami

6 commenti:

  1. Insomma, viva i voti alti, viva i nuovi amici, il softball,il fucile, il cibo strabuono,vivaa hoollisteeer:D viva le montagne russe perchè implicano momenti molto su oltre che molto giù;)ce la faraaaii non ci sono dubbi:)preparati al tuo ritorno epico little panther<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ti voglio come angelo custode ogni giorno appoggiata alla mia spalla. Love you panther ;D

      Elimina
  2. Ciao Cami!!! Beh, per fortuna che "l'amico" Isaac non ha fatto danni...comunque vedo che non ti fai mancare niente, eh eh eh: grandi abbuffate a colazione, shopping e il FUCILE DA CACCIA!!! o.o Brava, fai bene a cogliere al volo tutte le occasioni che ti si presentano! :-D Stay strong!
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yep ila! :) perchè è già passato un mese! beso

      Elimina
  3. La più grande difficoltà di quest'esperienza non è abituarsi a convivere con degli sconosciuti, con una lingua straniera o in una nuova scuola. L'impresa più grande è trovare un equilibrio con se stessi, riuscire a convivere serenamente con la nostalgia, con gli sbalzi d'umore, con i mille pensieri opposti che si alternano nell'arco della stessa giornata.
    adoro questo pezzo...!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie elisa! Lo adori perchè è quello che senti, che sentiamo tutti, è la verità :) in bocca al lupo per tutto quello che verrà!

      Elimina